CMS WordPress

WORDPRESS UN CMS CHE HA CAMBIATO UN METODO.

Agli albori di Internet, realizzare siti internet era davvero difficile, cosa non alla portata di tutti.
Si realizzavano Siti Internet statici, che si potevano realizzare esclusivamente con l’uso di codici informatici, e occorreva avere conoscenza di informatica, per potere conoscere i linguaggi PHP, HTML e CSS.

Ma non era solo difficile realizzare i siti internet, anche gestirli era una impresa.

Se non si aveva conoscenza del linguaggio informatico, nei siti internet era difficile anche il semplice inserimento di una nuova pagina, inserire un nuovo articolo, inserire una nuova immagine, etc.
Ma intorno agli anni ’90 arriva la svolta, sono gli anni in cui inizia una evoluzione del web con notevoli cambiamenti nel campo della realizzazione dei siti internet, passando da una gestione “statica” dei contenuti ad una gestione “dinamica”.
Questo cambiamento è avvenuto con l’avvento dei CMS (Content Management System), che detto in parole semplici significa “gestione delle informazioni”.
In pratica un Cms è costituito essenzialmente da moduli che consentono l’inserimento, la modifica o la cancellazione di informazioni in maniera semplificata.

Uno dei punti di forza del CMS è la gestione facilitata dei contenuti da parte dell’utente.

Questa caratteristica ha permesso la diffusione su scala mondiale di questo software, avvicinando anche una utenza non tecnica o specifica del settore informatico, che non conosce in maniera approfondita linguaggi di programmazione necessari per la creazione dei siti internet.
La gestione di un CMS on line è indicato solitamente con l’acronimo di WCMS (Web Content Management System), ossia una piattaforma di gestione dei contenuti nel Web.
Realizzare un sito internet “statico” o solo pensare di modificarlo, significava sostenere dei costi significativi non solo per chi lo commissionava, ma anche per chi doveva realizzare il sito web.
Tra il 1999 e il 2002 incominciarono a diffondersi numerose applicazioni di tipo CMS che portarono, pian piano, alla modifica del modo di lavorare delle aziende del settore.
Nel CMS tutte le informazioni del sito sono visualizzate tramite un “template” ossia uno schema preimpostato e personalizzabile dal  programmatore e per modificare l’intero sistema di visualizzazione non è necessario variare tutte le singole pagine ma solo il singolo template.

cms

Questo sistema definisce due modalità di lavoro:

  • l’inserimento delle informazioni ad opera di utenti anche non esperti;
  • la gestione grafica delle informazioni con la creazione di template personalizzati e realizzati da utenti esperti tramite linguaggi di programmazione HTML e CSS.

Una particolarità dell’uso di un template, è quella della modularità, che permette all’amministratore del sito di attivare o disattivare nel back-end, particolari sezioni visibili del front-end.
Esistono diversi CMS in circolazione con caratteristiche di base e funzionalità diverse l’uno dall’altro, e uno di questi è WordPress.

IL CMS WordPress, risulta essere molto intuitivo e pratico anche per i neofiti del settore.

WORDPRESS permette di accedere nel BACK-END del sito, cioè la parte non visibile da parte degli utenti del sito internet, per pubblicare nuovi articoli e creare nuove pagine, oppure, modificare i contenuti già esistenti.
WORDPRESS permette l’installazione di PLUG-IN, cioè programmi che una volta installati e attivati, aumentano ed estendono la funzionalità di WordPress.

Ma realizzare siti internet non è cosa di tutti, non basta installare un CMS WordPress e un template per realizzare un sito web.

Occorrono anni di esperienza nel campo della comunicazione, della grafica, e sopratutto nel saper scrivere contenuti testuali.

Con l’uso del CMS WordPress e dei Temi premium, Diginame realizza siti web vetrina funzionali e con Lay out Responsive.