Tecnologia

Impianti antincendio: tipologie e funzionamento

antincendio

Gli impianti antincendio sono fondamentali per garantire la sicurezza in ambienti civili e industriali. Si tratta di sistemi di sicurezza progettati per rilevare e combattere incendi all’interno di edifici o strutture. Ecco perché, sono state stabilite delle misure e dei provvedimenti studiati appositamente per evitare l’insorgenza di incendi e limitare le possibili conseguenze.

Questi impianti, infatti, sono costituiti da un insieme di dispositivi e tecnologie che lavorano insieme per prevenire, rilevare e estinguere incendi, minimizzando così i danni alle persone e alle proprietà. Andiamo a vedere in dettaglio le diverse tipologie di impianti antincendio e il loro funzionamento, per fornire una panoramica completa e dettagliata sull’argomento.

Tipologie di impianti antincendio

Esistono diverse tipologie di impianti antincendio, ognuna delle quali è progettata per rispondere a specifiche esigenze di sicurezza. Le principali tipologie includono impianti di rilevazione incendi, di estinzione a sprinkler, a schiuma, a gas. Affidarsi a professionisti, come Savergroup srl, per l’installazione e la manutenzione degli impianti antincendio è fondamentale per garantire la massima sicurezza e protezione contro gli incendi.

Impianti di rilevazione incendi

Gli impianti di rilevazione incendi sono sistemi automatici progettati per individuare precocemente la presenza di fumo o calore. Questi impianti sono composti da rilevatori di fumo, rilevatori di calore e centraline di controllo che attivano gli allarmi e, in alcuni casi, gli impianti di estinzione.

Impianti di estinzione a sprinkler

Gli impianti a sprinkler sono uno dei sistemi di estinzione più diffusi. Essi consistono in una rete di tubazioni che rilasciano acqua in modo automatico quando la temperatura supera un certo limite. Gli sprinkler sono particolarmente efficaci in ambienti industriali e commerciali, dove il rischio di incendio è elevato.

Impianti a schiuma

Gli impianti a schiuma utilizzano una miscela di acqua e agenti schiumogeni per soffocare le fiamme. Questo tipo di impianto è ideale per incendi di liquidi infiammabili e viene spesso utilizzato in raffinerie, depositi di carburante e aeroporti.

Impianti a gas

Gli impianti antincendio a gas utilizzano gas inerti o chimici per estinguere gli incendi. Questi sistemi sono indicati per ambienti chiusi come sale server, archivi e locali tecnici, dove l’uso di acqua potrebbe danneggiare i beni presenti.

Funzionamento degli impianti antincendio

Il funzionamento degli impianti antincendio varia a seconda della tipologia, ma segue un principio comune: rilevare l’incendio e attivare il sistema di estinzione. Oggi, grazie al Bonus Ristrutturazioni è possibile anche beneficiare della detrazione fiscale se si decide di acquistare un impianto antincendio e di riqualificare il proprio immobile. Vediamo nel dettaglio come operano i principali impianti.

Rilevazione e allarme

La prima fase del funzionamento è la rilevazione. I sensori installati nell’area monitorata rilevano fumo, calore o fiamme. Una volta rilevata l’anomalia, inviano un segnale alla centralina di controllo, che attiva l’allarme sonoro e visivo per avvisare le persone presenti e, eventualmente, i servizi di emergenza.

Attivazione del sistema di estinzione

Successivamente, il sistema di estinzione entra in azione. Negli impianti a sprinkler, l’acqua viene rilasciata dai singoli ugelli in risposta all’aumento di temperatura. Negli impianti a schiuma, una miscela di acqua e schiumogeno viene spruzzata sull’incendio. Nei sistemi a gas, il gas estinguente viene rilasciato per soffocare le fiamme privandole dell’ossigeno necessario alla combustione.

Manutenzione e verifiche periodiche

Per garantire l’efficacia degli impianti antincendio, è essenziale effettuare regolari manutenzioni e verifiche periodiche. Questi controlli permettono di verificare lo stato di funzionamento dei vari componenti e di intervenire tempestivamente in caso di anomalie.

Una delle principali cause di incendio domestico è legata alla mancanza di manutenzione non solo degli impianti antincendio ma anche degli elettrodomestici presenti nelle abitazioni. Quando si sceglie l’acquisto di una caldaia a gas, ad esempio, è importante conoscerne il funzionamento e prendersi cura dell’apparecchiatura.

La conoscenza delle varie tipologie di impianti, del funzionamento di ciascuno e la manutenzione periodica degli elettrodomestici, sono tutti fattori estremamente importanti non solo per scelta del sistema antincendio più adatto alle proprie esigenze ma soprattutto per la sicurezza di edifici e persone.