Come proteggere la tua Privacy su Facebook

Oggi si è sempre più connessi alla rete internet e si fa un uso frequente dei social network, in particolare di Facebook.

Facebook il social network ideato da Mark Zuckerberg nasce con uno scopo ben preciso: dare la possibilità di condividere la propria vita con il resto del mondo. Non sempre, però, è buona norma pubblicare su Facebook ogni singolo dettaglio della propria vita: è meglio che alcuni argomenti restino un fatto meramente privato per cui nasce l’esigenza di come gestire la privacy su Facebook.

Se non adeguatamente protetta, su Facebook chiunque può violare ogni aspetto della nostra vita privata.

Per meglio gestire la privacy su Facebook, è di fondamentale importanza prestare molta attenzione sin da quando si inseriscono i dati personali che vengono richiesti per l’iscrizione al social network e successivamente una volta iscritti, andare in impostazioni della pagina e scegliere privacy, controllare che non sia impostata in maniera errata, in quanto se è impostata male è possibile che si divulghino molte più informazioni rispetto a quelle che si vorrebbero.

Fortunatamente, però, la rete sociale più utilizzata al mondo (più di un miliardo di utenti attivi mensilmente) fornisce tutti gli strumenti per proteggere i dati personali ed evitare così che finiscano nelle mani sbagliate.

Se vi chiedete come proteggere e gestire la privacy su Facebook, vi basterà essere un po’ pazienti. Conoscendo i trucchi e le scorciatoie del “mestiere”, si potranno modificare impostazioni in modo da rendere realmente privato il proprio profilo. Dai post alle note, passando per foto, video e altri elementi multimediali, si avrà il pieno controllo sul profilo personale Facebook.

Per gestire la privacy su Facebook, non divulgare informazioni personali

Per proteggere la tua privacy su Facebook è necessario, prima di ogni altra cosa, controllare le informazioni personali inserite al momento dell’iscrizione all’interno delle sezioni del proprio profilo.

Dando uno sguardo all’interno delle informazioni personali, qualche curioso potrebbe ricavare dati personali anche di una certa importanza: città, data di nascita, lista amici, vedere i “Mi piace”, le Pagine dei Fan, foto, video e tanto altro ancora.

Per cui una delle prime azioni da fare per gestire la privacy su Facebook è quella di controllare attentamente quali informazioni sono visibili nel proprio profilo. Per farlo occorre cliccare sul proprio nome in alto a sinistra e poi sul pulsante “Aggiorna informazioni”: questa operazione consente di entrare all’interno delle proprie informazioni personali e modificare le impostazioni privacy di Facebook.

Nella sezione “Informazioni di contatto e di base”, ad esempio, si potrà scegliere se rendere pubblica o privata la propria lista amici; decidere chi può vedere la data di nascita, il proprio numero di telefono o gli indirizzi di posta elettronica e molto altro ancora.

 

proteggi la tua privacy

 

Il “controllo della privacy” (riconoscibile grazie all’icona con il lucchetto affiancato da tre linee orizzontali) è uno degli strumenti a disposizione degli iscritti per proteggere la tua privacy su Facebook. Si tratta di una raccolta di collegamenti rapidi che consentono di modificare in un solo click le impostazioni personali e proteggere in maniera più adeguata i propri dati.

 

Proteggi la tua privacy

 

Dal menu di Controllo della privacy, si potrà impostare il livello di visibilità dei post e delle foto, decidere chi può entrare in contatto con noi e come bloccare qualche utente troppo fastidioso. Se, invece, si volesse andare un po’ più a fondo, si potrebbe cliccare sul link “Vedi altre impostazioni” per i controlli avanzati della privacy Facebook.

Controllare cosa possono vedere gli “estranei”

Una volta modificate le impostazioni privacy post Facebook, si potrà verificare immediatamente se i cambiamenti hanno dato gli effetti sperati per tutelare la privacy su Facebook.

Accedendo al proprio profilo (si consiglia una navigazione in incognito – per farlo basta cliccare i tre puntini in alto a destra della pagina Google e scegliere l’opzione desiderata), cliccare sul proprio nome nella parte alta della schermata principale del social network e si potrà visualizzare la propria bacheca come se fosse un utente qualunque, a questo punto basta cliccare sul pulsante opzioni (identificabile dai tre puntini in orizzontale) e scegliere la voce “Visualizza come?”. Facebook caricherà nuovamente il proprio profilo, ma come se si fosse un utente qualunque che vuole vedere post e foto che pubblichiamo.

 

Proteggi la privacy su facebook

Controllare cosa possono vedere e fare gli amici

Lo stesso strumento consente di verificare cosa possono vedere i propri amici. Una volta caricata la pagina, infatti, si potrà cliccare sulla frase in grassetto “Visualizza come una persona specifica” e inserire il nome di un utente incluso nella nostra Lista Amici. Questa funzionalità è particolarmente utile se si dividono gli amici in varie liste: si potrà così scoprire se la divisione e la categorizzazione è realmente efficace.

 

Proteggi la tua privacy su Facebook

 

Si accede alle Impostazioni privacy di Facebook (dal “Controllo della privacy” basta cliccare su Vedi altre impostazioni) e si sceglie la voce Diario e aggiunta tag: da questa sezione sarà possibile scegliere chi può postare contenuti sul proprio profilo, chi può taggarci in post e immagini e scegliere se controllare i post in cui si è taggati prima che questi compaiano sul proprio profilo.

Scegliere gli amici con attenzione

Per capire come meglio gestire la privacy su Facebook è importante comprendere che tutto parte da un’accurata selezione degli amici. Dalle Impostazioni privacy (vedi sopra come accedere) si può restringere la cerchia di utenti che può inviare richiesta di amicizia o, addirittura, che può cercarci sulla rete social di Mark Zuckerberg.

Per ottenere questi risultati sarà sufficiente modificare impostazioni privacy nelle sezioni “Chi può contattarmi” e “Chi può cercarmi” e il gioco è fatto.

 

Proteggi la tua privacy su Facebook

 

Disabilitare la geolocalizzazione di Facebook

 

Proteggi la tua privacy su Facebook

 

Sfruttando il sensore GPS dello smartphone e le informazioni tecniche del browser del PC (l’indirizzo IP), Facebook è in grado di stabilire  quale sia la nostra posizione e quali i nostri spostamenti. Informazioni utili per fornire servizi georeferenziati (come la registrazione in un luogo specifico o informazioni turistiche sulla città che si sta visitando), ma che possono mettere a rischio la nostra privacy e non solo.

Per proteggere la tua privacy su Facebook e tutelare i dati personali, è consigliabile disabilitare i servizi di localizzazione sullo smartphone e non concedere l’autorizzazione a Facebook a localizzarci da PC: in questo modo si otterrà qualche informazione di meno, ma ci si metterà al riparo da possibili annunci pubblicitari traccianti e invasivi.

Evitare di essere tracciati dagli annunci pubblicitari

 

Proteggere la privacy su Facebook

 

Tutte le informazioni che si condividono su Facebook e, soprattutto, con Facebook sono infatti utili alla società di Mark Zuckerberg per la profilazione pubblicitaria degli utenti.

Per evitare di essere “perseguitati” dalle inserzioni pubblicitarie e gestire la privacy su Facebook si potranno modificare le Preferenze relative alle inserzioni ed evitare di visualizzare annunci “creati su misura” in base ai propri gusti. In questa sezione si potrà verificare come Facebook ci abbia “catalogato” a seconda dei nostri gusti e preferenze su cinema, spettacoli, serie TV, musica e personaggi pubblici.

Limitare l’accesso alle app di sviluppatori terzi

Il social login (utilizzare le credenziali di Facebook o altre reti sociali per accedere ad altri servizi web) è sicuramente comodo, ma è anche un modo per “disperdere” informazioni personali nell’immenso e sconfinato mondo della Rete. Per questo è bene sempre controllare le autorizzazioni concesse ed eventualmente rimuoverle.

Dalle Impostazioni si clicca sulla voce Applicazioni e si può così vedere la lista di quando si è effettuato l’accesso con Facebook: nel caso in cui ci sia qualche “movimento strano” sarà sufficiente cliccare sulla “X” per eliminarla.

Controllare le attività

Altra cosa utile per proteggere la tua privacy su Facebook, è quella di controllare il registro attività di Facebook (voce presente nel menu delle Impostazioni, cui si accende con un click sull’icona con il triangolo con la punta verso il basso) è uno strumento utile per tutelare la privacy personale sul social network. Da qui si potranno verificare tutte le proprie attività (da cosa si è postato ai “mi piace”, messaggi, foto, pubblicazioni varie, partecipazioni agli eventi e commenti lasciati in giro) e accertarsi che non ci sia nulla di anomalo.

Disattivare l’account

 

Proteggi la tua privacy su Facebook

 

Nonostante tutto, ritenete che la privacy non sia completamente tutelata? In questo caso la scelta è solo una, disattivare l’account e successiva cancellazione dal social network.

Come cancellarsi da Facebook?

Ci si collega all’apposita pagina e si segue la procedura guidata ma prima di compiere questa operazione si consiglia di scaricare tutti i dati che, con il passare degli anni si sono accumulati all’interno del proprio profilo e accedendo alle Impostazioni di Facebook nella sezione Generali, sarà possibile ottenere una copia delle informazioni cliccando sul link “Scarica una copia dei tuoi dati Facebook”.

Il portale genererà una cartella compressa contenente tutte le immagini, note e post presenti nel proprio profilo personale al momento della richiesta.

Questi sono i nostri consigli per gestire e proteggere la tua privacy su Facebook.